Scuola Serale di Urbanesimo Nomade

Scuola Serale di Urbanesimo Nomade


Che succede a Roma di notte?

Di chi sono le voci che risuonano nelle strade deserte?

Quelle di chi è ancora sveglio o quelle dei sogni?

Il disegno, l’azione e il racconto delle sette camminate costituiscono il programma della Scuola Serale di Urbanesimo Nomade, scuola nomade e ludica, aperta a tutti, con o senza laurea o permesso di soggiorno. Una scuola in altri spazi, con altri tempi e modi, che cerca di abitare l’urgenza di cambiamento che viviamo oggi.
Viviamo, infatti, un tempo di grande e profonda trasformazione. Tutto cambia in fretta e anche noi siamo chiamati a cambiare rapidamente. Come comprendere e condividere il cambiamento, per riuscire a cambiare noi stessi, sembra essere la più difficile e la più importante delle sfide dell’apprendimento umanistico di oggi, un apprendimento che deve ritrovare la propria importanza al fianco di quello scientifico, restituendo a quest’ultimo quella visione d’insieme e quello spirito critico necessari per una ricerca che, sempre più meccanicistica, tecnicistica e specialistica, rischia di portarci all’autodistruzione piuttosto che a sostenerci in quella necessaria evoluzione a cui l’urgenza del cambiamento ci chiama.

Certo, si può tentare di sottrarsi, di appellarsi al rifiuto di tutto ciò che cambia, al rifiuto dell’altro e dell’altrimenti, al rifiuto di ogni esplorazione o sperimentazione in favore di un ordine delle cose che preferiamo pensare immutabile, ma questo vuol dire sbarrare la porta al futuro appellandosi a un malinteso concetto di identità e appartenenza in nome del quale innalzare mura e legiferare proibizioni, palliativi di dubbia efficacia e di breve durata, che rischiano di rendere il cambiamento ben più catastrofico e l’esistenza banale, triste e disumana, privata del coraggio, della curiosità e del piacere di esplorare il futuro. Liberarsi da questo immutabile ordine delle cose vuol dire anche disimparare abitudini e comportamenti, divenuti automatici, che ci hanno ormai colonizzato.

Cambiare tutto perché nulla cambi è il monito gattopardesco che ci ricorda quanto, a volte, ci si affanni a impossessarsi e manipolare il cambiamento nel compulsivo tentativo di adattarne ogni aspetto al consumo di beni, idee e valori neutralizzando, così, la reale possibilità di cambiamento.
I cambiamenti che non producono trasformazioni sono sterili, tendono a sostituire il presente con tanti tempi, contemporanei e indifferenti l’un l’altro, indifferenti ai luoghi e alle persone, quei tempi in cui nascondersi e rinchiudersi, isolarsi nel tentativo di evitare l’incontro con l’Altro e quindi ogni possibile evoluzione a venire. Il  futuro, però, è esattamente un tempo altro che ci viene incontro, da esplorare e a cui dare accoglienza in un comune presente, così come l’Identità è il nostro divenire altro nel tempo, cercando noi stessi.

Vivere il  presente vuol dire, quindi, anche essere presenti, consapevoli del complesso sistema di relazioni e distanze con gli altri, con i luoghi che abitiamo, con il tempo che viviamo, imparare ad abitare relazioni e distanze. Rifiutare l’altro significa rifiutare il futuro e il presente e sostituirli con velleitari tempi e spazi contemporanei, privi di relazioni e di distanze, compresenti e indifferenti l’un l’altro, da cui guardare tutto senza vedere niente, sentire tutti senza ascoltare nessuno, in cui  si può fare qualsiasi cosa senza mai poter agire, in libertà, alcun reale cambiamento.

La scuola

La Scuola Serale di Urbanesimo Nomade è uno strumento di costruzione condivisa delle camminate.

Ciascun modulo è costituito da un laboratorio serale e dalla camminata la sera successiva. Durante i laboratori serali i partecipanti saranno introdotti alle modalità esplorative e di ricerca di Stalker, di No working e di tutte le realtà che svolgeranno le attività.
La ricerca prevede un’attenta osservazione degli ambiti di intervento, un’interazione diretta con gli abitanti, incontri con associazioni e realtà locali, per condividere proposte di azione che emergano da un processo collettivo: il camminare come pratica di conoscenza percettiva del paesaggio e del territorio, ma anche come incontro con i suoi protagonisti, la sua storia e la sua memoria, con l’intento di sviluppare quel senso critico di osservazione e discussione per la crescita civica e culturale dei nuovi abitanti.

Grazie ai laboratori serali, i partecipanti impareranno a relazionarsi con lo spazio urbano nei suoi diversi contesti, a conoscere le memorie dei luoghi e degli abitanti.
Tutti insieme disogneremo modalità di interazione con lo spazio urbano, ideando pratiche artistiche e poetiche per attraversare ed essere accolti nei quartieri romani di notte utilizzando o creando strumenti di mappatura e condivisione del racconto collettivo. Durante la seconda serata i partecipanti prenderanno parte alla camminata attuando gli immaginari e le pratiche pensati la sera precedente.

Le Camminate

Le camminate del progetto A-ghost city [Nightwalks] saranno strutturate nel seguente modo:

  • 23.30: incontro nel luogo previsto con i partecipanti e gli altri camminatori
  • 24.00: partenza
  • 3.00: sosta in un luogo designato per riposare e ristorarsi
  • 5.00: sveglia, osservazione dell’alba e ripresa della camminata
  • 7.00: colazione

Calendario delle Camminate

  • Martedì 15 agosto – Porta Portese
  • Venerdì 18 agosto – Porta San Paolo
  • Lunedì 21 agosto – Porta San Giovanni
  • Giovedì 24 agosto – Porta Maggiore
  • Domenica 27 agosto – Porta Tiburtina
  • Martedì 29 agosto – Porta Pia
  • Giovedì 31 agosto – Porta del Popolo

Programma

I moduli da 1 a 4 sono costituiti ciascuno da un laboratorio serale, dalle ore 19.00 alle 23.00 e dalla camminata la notte successiva.
Il modulo 5 è costituito da tre laboratori serali, dalle 19.00 alle 23.00 e dalle relative tre camminate le notti successive.

A questi moduli si aggiungono i laboratori tenuti dalle associazioni partner Echis, Termini TV e Nation 25.
Scopri i laboratori

Calendario dei moduli

Modulo1

Lunedì 14 agosto, 19.00 – 23.00, Laboratorio serale.
Martedì 15 agosto, dalle 23.30 camminata con partenza da Porta Portese. Incontro sotto la porta, in via di Porta Portese.

Modulo 2

Giovedì 17 agosto, 19.00 – 23.00, Laboratorio serale.
Venerdì 18 agosto, dalle 23.30 camminata con partenza da Porta San Paolo. Incontro a piazzale Ostiense.

Modulo 3

Domenica 20 agosto, 19.00 – 23.00, Laboratorio serale.
Lunedì 21 agosto, dalle 23.30 camminata con partenza da Porta San Giovanni. Incontro in piazza di San Giovanni in Laterano.

Modulo 4

Mercoledì 23 agosto, 19.00 – 23.00, Laboratorio serale.
Giovedì 24 agosto, dalle 23.30 camminata con partenza da Porta Maggiore. Incontro in piazza di Porta Maggiore.

Modulo 5

Sabato 26 agosto, 19.00 – 23.00, Laboratorio serale.
Domenica 27 agosto, dalle 23.30 camminata con partenza da Porta Tiburtina. Incontro in viale di Porta Tiburtina

Lunedì 28 agosto, 19.00 – 23.00, Laboratorio serale.
Martedì 29 agosto, dalle 23.30 camminata con partenza da Porta Pia. Incontro in via XX Settembre.

Mercoledì 30 agosto, 19.00 – 23.00, Laboratorio serale.
Giovedì 31 agosto, dalle 23.30 camminata con partenza da Porta del Popolo. Incontro in piazza del Popolo.

Tematiche

Storie e memorie dei quartieri
Come performare lo spazio urbano
Come raccontare la città attraverso il camminare mappando suoni, incontri, spazi e architetture
Quali strumenti di condivisione
Realizzazione del dispositivo mobile

A chi è rivolta

La Scuola Serale di Urbanesimo Nomade è rivolta a ricercatori, artisti, studenti universitari di architettura o di discipline artistiche, sia italiani che provenienti da scuole internazionali, ai turisti e a tutti coloro che vorranno mettersi in viaggio con noi.

La modalità di accesso è libera, non sono previsti test né titoli di studio.

Chi siamo?

La Scuola Serale Estiva è una proposta di Sara Alberani, Maria Pia Bevilacqua, Lorenzo Bottiglieri, Sara Maria d’Onofrio, Marianna Fazzi, Giulia Fiocca, Marco Passaro, Lorenzo Romito per Stalker e No working, con la partecipazione del Master Studi del Territorio / Environmental Humanities  dell’Università RomaTre, 3nta, ALAgroup, Echis, Nation 25, Termini TV.

Scopri di più

Costi e info

La Scuola accetterà fino a un massimo di 20 partecipanti.

Il contributo consigliato per l’intero programma è 70€I contributi consigliati sono di 15€ per ciascun modulo (moduli dall’1 al 4) e di 40€ per il modulo 5.
È possibile iscriversi compilando il form a destra entro e non oltre le ore 12.00 di lunedì 7 agosto.

Verrà rilasciato attestato di frequenza dal Master in Enviromental Humanities dell Università RomaTre e Stalker.

Contatti

Per info scrivici all’indirizzo noworking37@gmail.com

Sede Scuola Serale di Urbanesimo Nomade: No Working in via dei Lucani 37, (San Lorenzo) Roma e in giro per la città.


La Scuola Serale di Urbanesimo Nomade è una proposta Stalker e No Working nell’ambito del progetto A-ghost city [nightwalks] in collaborazione con il Dipartimento di Architettura dell’Università Roma 3.

L’iniziativa è parte del programma dell’Estate Romana 2017, promossa da Roma Capitale Assessorato alla Crescita Culturale e realizzata in collaborazione con SIAE.

I laboratori e le attività saranno realizzate da: ALAgroup, Baobab Ensamble, Echis, Nation 25, Scomodo, Termini TV.
Sono partner del progetto, inoltre: Master Studi del Territorio / Environmental Humanities  dell’Università RomaTre, Auditorium Parco della MusicaGalleria di Palazzo Corsini, MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secoloIstituto Italo-Latino Americano (IILA)Istituto Svizzero di Roma (ISR)Parco Archeologico dell’Appia Antica.